image

Una nuova motivazione

La motivazione individuale

Grazie alla sua innovativa tecnica di studio della personalità, il Reiss Profile ha aperto una nuova prospettiva sulla motivazione umana.

L’essere umano da una nuova prospettiva

La supposizione che per motivare una persona basti un incentivo “esteriore”, ossia un incentivo (per es. il denaro) che non fa parte della sfera valoriale individuale, spesso risulta in un fatale processo di demotivazione. Solamente una profonda conoscenza di questa sfera valoriale ci permette di individuare gli incentivi in grado di motivare realmente una persona. Esistono innumerevoli procedimenti standardizzati per l’analisi della personalità. Ma solo pochi si concentrano sulle reali aspettative delle persone: il Reiss Profile è stato sviluppato per riuscire a comprendere e a rappresentare gli obiettivi e i valori reali della persona. L’interpretazione effettuata con il Master analizza le possibilità di realizzazione di questi obiettivi nel proprio ambiente. Ciò consente anche una previsione comportamentale della persona in un ambiente a lei naturale (cioè privo di condizioni eccezionali).

I dogma della motivazione:

  • La motivazione del comportamento umano (ad eccezione dei condizionamenti biologici) può essere ricondotta a singoli desideri primari oppure ad una combinazione di alcuni di essi.
  • Il Reiss Profile pone l’accento sull’unicità di ogni essere umano in virtù del suo personale profilo motivazionale.
  • Il Reiss Profile vuole essere un netto rifiuto dell’intolleranza nei confronti di coloro che pensano diversamente e dei disadattati.
  • Le persone sono attratte da chi ha valori simili ai propri mentre si allontanano da chi presenta valori opposti.
  • I 16 desideri primari rappresentano ciò che le persone desiderano. Le emozioni positive o negative segnalano, a livello individuale, l’intensità del desiderio.
  • La motivazione è l’affermazione di valori. Soltanto chi conosce le reali aspettative di una persona riuscirà a motivarla dall’esterno.
  • I desideri primari influenzano direttamente la percezione: l’uomo si concentra sugli stimoli generati da desideri forti, tralasciando il resto. Sono dunque i desideri primari a determinare la nostra realtà personale.

Il Suo interlocutore

Lisa Hillebrand
Tel:+39 0471 301896
Fax:+39 0471 973837
E-Mail:l.hillebrand@businesspool.it